INTERVENTI DI RESTAURO

Il Gruppo Prada in armonia con le amministrazioni locali e le Soprintendenze dei Beni Artistici e Culturali, ha espresso ai massimi livelli il proprio impegno e la propria maestria nell’attività di recupero dell’antico, lavorando sapientemente su importanti edifici storici e restaurando palazzi e monumenti sul territorio italiano e internazionale.

Galleria Vittorio Emanuele II a Milano

Al delicato progetto di restauro delle facciate della Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, si aggiungono i progetti di riqualificazione degli spazi al piano mezzanino dell’edificio inaugurato a settembre 2016, e dedicati alla Pasticceria Marchesi - una superficie di 250 metri quadrati con finestre ad arco che offrono caratteristici affacci sugli affreschi e sui pavimenti in mosaico dell’Ottagono- e il recupero del palazzo del Gruppo Prada in Galleria, con l’apertura al pubblico di Osservatorio, il nuovo spazio espositivo di Fondazione Prada dedicato alla fotografia e ai linguaggi visivi, una superficie espositiva di 800 m² sviluppata su due livelli, al quinto e sesto piano. 

Gruppo Prada e FAI insieme per la tutela del patrimonio artistico e culturale italiano

 

Il FAI - Fondo Ambiente Italiano è una fondazione nazionale non-profit creata nel 1975 per salvaguardare e promuovere beni naturali, storici e artistici. Negli ultimi anni, FAI - Fondo Ambiente Italiano ha preservato, restaurato e aperto al pubblico importanti luoghi, espressione del patrimonio artistico e naturalistico italiano.

La naturale collaborazione ha preso forma ogni qualvolta il marchio Prada ha inaugurato una boutique in una città italiana: proprio in quel luogo è stata attivata un’iniziativa di restauro con FAI - Fondo Ambiente Italiano, nell’intento di aprire un dialogo con la comunità locale.

Tra gli interventi più significativi, il restauro della Pala del Vasari a Firenze, delle statue all’Accademia delle Belle Arti e le arcate all’Archiginnasio di Bologna, la realizzazione del nuovo sipario del teatro Regio di Torino, l’impianto di illuminazione per il Sacello di Prosdocimo nell’Abbazia di Santa Giustina a Padova e il restauro del polittico quattrocentesco di Antonio Vivarini conservato nella Pinacoteca Provinciale di Bari e il pozzo di Santa Maria di Cerrate nei pressi di Lecce. 

FIRENZE, 2014 – 2016 – ULTIMA CENA DEL VASARI

Il dipinto su tavola raffigurante l’Ultima Cena realizzato da Giorgio Vasari nel 1546, venne danneggiato durante l’esondazione dell’Arno del 1966, risultando completamente irreparabile.  

Nel 2004 venne portata avanti una delicatissima opera di recupero e salvaguardia del dipinto da parte del Laboratorio dell’Opificio delle Pietre Dure, sovvenzionata inizialmente dalla programmazione ordinaria del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, da un fondo speciale della Protezione Civile e da un finanziamento della Getty Foundation, nell’ambito della Panel Paintings Initiative. Dal 2014 il Gruppo Prada, all’interno della propria collaborazione con il FAI, si è impegnato a finanziare il completamento della sapiente e paziente impresa.

Il 4 novembre 2016, in occasione del cinquantesimo anniversario dell’alluvione di Firenze, il Presidente della Repubblica Italiana – accompagnato dal Ministro dei Beni Culturali, dal Sindaco di Firenze e da Patrizio Bertelli - ha celebrato il ritorno de l’Ultima Cena del Vasari all’interno del Refettorio di Santa Croce, nuovamente collocata nella sua posizione originale.

Questa è stata l’occasione per sottolineare l’importanza e l’eccezionalità di questo risultato – frutto di studi, restauro e avanguardie tecnologiche – che permette di riconsegnare al mondo un capolavoro. Non solo un’importantissima azione di tutela del patrimonio artistico, ma anche un’opportunità per la ricerca e la messa a punto di innovative tecniche di conservazione.

TORINO, 2014 - UN NUOVO SIPARIO PER IL TEATRO REGIO

Nel 2014, grazie alla donazione del Gruppo Prada e del Fondo Ambientale Italiano, il Teatro Regio di Torino è stato dotato di un nuovo sipario, largo 48 metri e alto 10 metri per un peso complessivo di 1450 chilogrammi, con un’apertura totale di 16 metri.

L’apparato scenografico del sipario, altamente tecnologico, consente movimenti sia orizzontali che verticali, con una completa apertura o scomparsa rispettivamente di soli 5 e 3 secondi, permettendo così le tipiche alzate di sipario all’italiana, alla tedesca e il più complicato movimento combinatorio alla francese. L’iconico colore rosso ciliegia rispecchia le scelte cromatiche operate dall’architetto Carlo Mollino, che progettò l’attuale teatro inaugurato nel 1973 dopo che un incendio distrusse l’edificio settecentesco nel 1936.

BARI E CERRATE, 2013 - SANTI FRANCESCANI E UN POZZO CONSUMATO DAL TEMPO

In Puglia il Gruppo Prada ha aiutato il FAI a restaurare il polittico quattrocentesco di Antonio Vivarini conservato nella Pinacoteca Provinciale di Bari e il pozzo di Santa Maria di Cerrate nei pressi di Lecce.

I cinque pannelli rimanenti nel polittico (tre pannelli del registro superiore sono nel Museo Diocesano di Andria) sono datati 1467. Di alta qualità artistica, tra colori delicati e figure raffinate sono riconoscibili tre Santi Francescani, appartenenti allo stesso ordine religioso del Convento di Santa Maria in Vetere ad Andria, da cui proviene il polittico stesso. Il retro delle tavole custodisce disegni a carboncino realizzati dalla bottega di Vivarini, se non dall’artista stesso. Gli stadi del restauro hanno compreso la completa disinfezione dei pannelli, per riportarli agli schemi cromatici originali, attraverso la rimozione della pittura ossidata che ha diminuito l’intensità e la brillantezza del colore.

Il complesso dell’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, posseduto dall’amministrazione provinciale di Lecce, fu presumibilmente fondato nel dodicesimo secolo dai normanni. Il pozzo collocato a lato della chiesa, al centro del cortile e di fronte al chiostro del dodicesimo secolo, fu costruito nel 1585 dall’Ospedale degli Incurabili, che ottenne il possesso del complesso nel sedicesimo secolo. La data è visibile nell’iscrizione sull’architrave. Nel tempo il pozzo ha sofferto una consistente perdita di materiale dovuta all’erosione, che ha conseguentemente modificato i pattern scultorei decorativi e che ha creato fratture nella struttura. L’intervento ha restaurato i numerosi danni causati dalla collocazione del pozzo all’esterno senza alcun riparo dalle intemperie.

PADOVA, 2012 - NUOVA LUCE PER I BENI ARTISTICI

Il Sacello di San Prosdocimo, costruito nel quinto secolo e dedicato al primo vescovo di Padova, è il più antico luogo di venerazione cristiana nella città, facente parte della Basilica di Santa Giustina.

Grazie al progetto “Ridiamo la luce a San Prosdocimo” è stato possibile dotare il sito di un impianto d’illuminazione che non minacciasse i colori degli affreschi e dei mosaici. Oltre a preservare correttamente i dipinti, la nuova luce ha consentito anche una percezione appropriata dell’architettura eccezionalmente potente ed evocativa. Il progetto ha visto la collaborazione della sovrintendenza per il patrimonio architettonico, paesaggistico, e per il patrimonio storico, artistico ed etno-antropologico.

BOLOGNA, 2010 - LO STORICO CUORE STUDENTESCO

In occasione dell’apertura del negozio collocato nella Galleria Cavour, Prada, in collaborazione con il Fondo Ambiente Italiano e la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici di Bologna, ha supportato il restauro di quattro statue di proprietà dell’Accademia di Belle Arti e tre archi collocati presso il Palazzo dell’Archiginnasio. Le quattro statue di gesso del XVIII secolo sono parte della collezione originale con cui il conte Luigi Ferdinando Marsili fondò l’Accademia di Belle Arti di Bologna nel 1710. Gli originali sono statue greche e romane attualmente in mostra agli Uffizi e al Museo Archeologico di Napoli, raffiguranti l’Ercole Farnese, la Flora Farnese, il fauno danzante e un gruppo di guerrieri.

Inoltre, il Gruppo Prada ha contribuito al restauro di tre archi del sedicesimo secolo presso l’Archiginnasio, vecchia sede dell’Università di Bologna che attualmente ospita la biblioteca storica dell’università, che vanta la presenza di oltre un milione di libri. Gli archi, decorati tra il 1625 e il 1628 includono il monumento a Bartolomeo Bonaccorsi (1625), gli stemmi studenteschi (1627-1628) e il monumento dedicato al giurista Francesco Barbadori (1628).

CA’ CORNER DELLA REGINA - LA SEDE VENEZIANA DELLA FONDAZIONE PRADA

Ca’ Corner della Regina, primo esempio di palazzo non-barocco della sua epoca, fu costruito tra il 1724 e il 1728 da Domenico Rossi per la famiglia di San Cassiano sopra le rovine del palazzo in cui nacque Caterina Corner, futura regina di Cipro.

Il restauro dell’edificio, sospeso dalla pubblica amministrazione nel 1995, è stato ripreso nel 2011 grazie alla locazione dell’intero edificio concesso dai Musei Civici Veneziani a Fondazione Prada. Nel dicembre 2012 il palazzo è divenuto la sede stabile veneziana della Fondazione Prada con destinazione d’uso a spazio museale.

Il restauro conservativo di Ca’ Corner della Regina, promosso da Fondazione Prada, è stato realizzato in linea con le direttive della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Venezia e della Laguna. I primi interventi hanno riguardato la messa in sicurezza delle superfici di pregio artistico e architettonico, il rilievo di tutte le parti impiantistiche incoerenti, la manutenzione dei serramenti lignei, l’eliminazione delle partizioni non originarie e il recupero degli spazi destinati a uffici e servizi. Il completamento di questa prima fase ha consentito la riapertura parziale del palazzo, ovvero il piano terra, il primo e secondo piano, il mezzanino e il piano nobile principale.

La conservazione e protezione degli apparati decorativi parietali ha riguardato invece gli affreschi ornamentali, gli stucchi e materiali lapidei che ornano il portego e le otto sale del primo piano nobile del palazzo. In seguito si è svolto un lavoro di consolidamento e messa in sicurezza delle superfici del mezzanino, il cui restauro ha portato alla luce nel 2019 un affresco nella sala centrale prima nascosto. Al secondo piano nobile è stato attuato un progetto di recupero che ha riguardato le pareti e le decorazioni in stucco e marmorino delle sale laterali.

Per rispondere alla sfida di rendere moderno l’antico, pur preservandone immutato l’aspetto, è stato sviluppato il primo impianto al mondo a espansione diretta condensato con l’acqua di laguna e il controllo dell’umidità estiva e invernale. Così facendo, si è riusciti a limitare l’invasività impiantistica su un edificio vincolato, eliminare l’impatto paesaggistico degli impianti a vista sui tetti, eliminare l’inquinamento acustico di una città già con basso rumore di fondo, annullare l’emissione di Co2 in loco e diminuire l’emissione delocalizzata grazie all’utilizzo di macchine a energia elettrica. 

RESIDENZA PRADA RONG ZHAI, SHANGHAI

Prada Rong Zhai è la storica residenza del 1918 situata nel quartiere centrale di Shanghai, inaugurata il 12 ottobre 2017 dopo un attento e scrupoloso restauro sovvenzionato dal Gruppo Prada. L’edificio è stato pensato come uno spazio flessibile per molteplici attività culturali del Gruppo Prada in Cina.