STRATEGIA CLIMATICA

Il Gruppo Prada ha investito per lungo tempo nell’efficientamento energetico con l’obiettivo di ridurre le emissioni GHG (Greenhouse gases), contribuendo positivamente alla sfida globale per arrestare il cambiamento climatico.

Negli anni, sono stati implementati vari progetti che hanno riguardato in misura differente sia le sedi industriali, ma anche gli uffici e gli spazi Retail del Gruppo: dall’acquisto di energia rinnovabile certificata all’istallazione di impianti fotovoltaici, dalla conversione all’illuminazione a LED alla sensibilizzazione dei dipendenti per un uso corretto dell’energia elettrica.

Il Gruppo Prada ha, inoltre, ottenuto un numero considerevole di certificazioni LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), confermandosi un’eccellenza nel settore.

In linea con questo impegno, a fine 2020, il Gruppo ha misurato il suo primo Carbon Footprint (anno di rendicontazione 2019), un tassello fondamentale nel percorso di riduzione delle emissioni GHG direttamente legate alle attività aziendali e generate della catena del valore.

Nel 2021, per rafforzare ulteriormente la Strategia climatica del Gruppo Prada, sono stati approvati dalla Science Based Targets Initiative (SBTi) due ambiziosi target di riduzione delle emissioni:

  • Ridurre del 29,4% le emissioni GHG assolute dello Scope 1 e 2 entro il 2026, rispetto all’anno 2019;
  • Ridurre del 42% le emissioni GHG assolute Scope 3 entro il 2029, rispetto all’anno 2019.

Il target sulle emissioni Scope 1 e 2 ha riguardato le emissioni generate da attività dirette, che includono il consumo elettrico e di gas, la flotta auto aziendale del Gruppo e le perdite di F-gas.

Il target sulle emissioni Scope 3 riguarda invece tutte quelle emissioni indirettamente generate nella catena del valore estesa del Gruppo Prada. Il perimetro preso in considerazione dall’analisi include tutte le attività a monte e a valle della catena del valore del Gruppo, tra cui l'approvvigionamento di materie prime, il consumo di energia connesso alle attività manifatturiere e dei fornitori di prodotti finiti, la logistica inbound e outbound, lo spostamento casa-lavoro dei dipendenti, i consumi energetici relativi agli asset in affitto, i viaggi di lavoro e i rifiuti generati dalle attività aziendali. 

Nell’ambito della SBTi, il Gruppo Prada ha inoltre sottoscritto l’obiettivo più ambizioso dell’Accordo di Parigi, Business Ambition for 1.5 °C, impegnandosi a raggiungere il Net-Zero entro il 2050.

Questa ambiziosa strategia climatica è stata lanciata a novembre 2021 durante il Capital Markets Day del Gruppo. In quest’occasione, sono stati comunicati gli obiettivi approvati dalla SBTi e le azioni per raggiungere il target di riduzione per lo Scope 1 & 2, che sono i seguenti:

  • Elettrificazione dei sistemi di riscaldamento dei siti industriali: pianificata per 5 impianti;
  • Flotta aziendale Green: obiettivo del 60% green entro il 2022;
  • Raddoppiare l’auto-produzione di energia da impianti fotovoltaici di proprietà.

Oltre a queste attività, il Gruppo Prada continuerà a investire nell'approvvigionamento di energia rinnovabile e nelle certificazioni LEED Gold o Platinum.

Infine, a partire dal 2022, il Gruppo sarà Carbon Neutral per quanto riguarda le emissioni GHG associate alle proprie attività dirette (Scope 1 & 2). 

CDP (Carbon Disclosure Project)

Nel 2021, il Gruppo Prada ha partecipato volontariamente per la prima volta al questionario CDP-climate change, per favorire la trasparenza nella rendicontazione della sua impronta emissiva di CO2.

Grazie per esserti registrato