NEWS
Luglio 2018

FONDAZIONE PRADA: NELLA SEDE DI MILANO PRESENTA
“THE NEXT QUASI-COMPLEX” DI JOHN BOCK

Dal 18 luglio al 24 settembre, Fondazione Prada ospita la mostra di John Bock “The Next Quasi-Complex”.

Un progetto, che riflette la particolare pratica dell’artista tedesco di combinare liberamente elementi performativi alla scultura e all’installazione site-specific.

Per l’occasione, Bock trasforma il piano terra del Podium in un mondo eccentrico e surreale, un teatro dell’assurdo in cui intreccia umorismo nero e discipline quali filosofia, economia, musica, moda e frammenti di vita quotidiana.

“The Next Quasi-Complex” presenta due grandi installazioni provenienti dalla Collezione Prada: il palco mobile di When I’m Looking into the Goat Cheese Baiser (2001) e il salotto di Lütte mit Rucola (2006). Nuove architetture sperimentali, frammenti di pareti, strutture improvvisate e una selezione di opere esistenti sono incorporati nel progetto, che si snoda attorno a uno spazio centrale lungo un percorso circolare.

L’8 settembre, inoltre, la mostra ospiterà una performance di John Bock e degli attori Lars Eidinger e Sonja Viegener, durante la quale attiveranno il palco di When I’m looking into the Goat Cheese Baiser muovendosi all’interno del Podium “come una mosca intorno a una carcassa”.

Per ulteriori informazioni, www.fondazioneprada.org.

Gallery
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina
“John Bock: The Next Quasi-Complex” - foto di Jacopo Farina